Riabilitazione dopo un tumore, cosa si può fare per tornare alla «normalità»

 I dati I casi di tumore in Italia sono in aumento (oltre 373mila le nuove diagnosi nel 2018) e cresce anche il numero di connazionali che vivono dopo la diagnosi della malattia: attualmente quasi 3 milioni e mezzo di cittadini, il 6 per cento dell’intera popolazione, hanno superato le cure. Quasi tutti hanno bisogno di riabilitazione, fisica o psicologica, che li aiuti a ritornare alle proprie condizioni di salute precedenti la diagnosi o a trovare un nuovo equilibrio, malgrado la presenza di una malattia diventata cronica o ...

Leggi tutto

«Fa venire il cancro?», le verità scientifiche (aggiornate) su cibo e tumori

 Un libro a domande e risposte, scaricabile gratis Le stime più recenti indicano che nel 2017 quasi 11 milioni di persone nel mondo hanno perso la vita per malattie causate da una dieta inadeguata. Soprattutto a causa di malattie cardiovascolari e, in misura minore, per tumori, diabete e patologie renali. In Italia la percentuale di bambini e adolescenti obesi è quasi triplicata negli ultimi 45 anni: un bambino su 10 è obeso e uno su 5 è in sovrappeso (uno su tre in Europa). Senza dimenticare che più di ...

Leggi tutto

Ansia, le 8 conseguenze dello stress che possono fare male alla nostra salute

 Emicrania Da un punto di vista evolutivo, l'ansia è la risposta dell'organismo a una situazione di «lotta o fuggi». Quando però lo stress supera i livelli di guardia, possono scatenarsi delle reazioni fisiche ben precise, una delle quali è l'emicrania che è così strettamente associata all'ansia «da non essere chiaro se sia quest'ultima a causarla oppure il contrario, ma di certo le persone che soffrono di emicrania hanno maggiori probabilità di avere disturbi di ansia», rileva la dottoressa Danica ...

Leggi tutto

Nove uomini su dieci sono stressati, ecco perché e come rimediare

 Ansia, mal di testa, dolori muscolari, disturbi del sonno o gastrointestinali. Ne soffrono nove italiani su dieci per colpa di nervosismo e preoccupazioni che derivano soprattutto dal lavoro, ma anche dalla famiglia.A fotografare i «nervi tesi» dei maschi nostrani è una ricerca condotta da Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione che fa parte di Federchimica) che evidenzia come il 90 per cento degli uomini soffra di un qualche disturbo di salute derivato dallo stress. La fonte principale è l’ufficio, ma fra le cause emergono anche cambiamenti negli stili di vita ...

Leggi tutto

Tumori urologici, 6 italiani su 10 non conoscono la prevenzione

 Sono molto diffusi, ma ancora poco conosciuti: i tumori urologici complessivamente interessano ogni anno 77.900 uomini e donne nel nostro Paese che ricevono la diagnosi di cancro alla prostata, alla vescica, al rene o al testicolo. Eppure, il 44 per cento degli italiani non sa che esistono cure efficaci in grado di contrastarli. E ancora troppi (il 61 per cento) ignorano che possono essere in molti casi prevenuti attraverso stili di vita sani: appena il 9 connazionali su 100 sanno che il fumo di sigaretta causa il carcinoma della vescica, 38 su 100 riconoscono sedentarietà e obesità come fattori ...

Leggi tutto

I 15 diritti (poco conosciuti) dei malati di cancro

 In Italia un milione di pazienti-lavoratori e 4 milioni di caregiver Degli oltre tre milioni di connazionali che vivono dopo aver ricevuto una diagnosi di tumore, più di un milione si è trovato a dover affrontare la malattia insieme agli impegni legati alla normale attività professionale  A questo numero già imponente vanno poi aggiunti i ben quattro milioni di caregiver oncologici, ovvero coloro che si occupano del sostegno ai pazienti. Sono soprattutto familiari: mogli, mariti, figli che, nell’assistere un proprio caro, 

Leggi tutto

Sperimentazioni sui tumori, tutto quello che c’è da sapere per chi vuole partecipare

 Cosa vuole dire partecipare a una sperimentazione clinica? La ricerca medica ha bisogno di certezze perché chi è malato vuole avere la sicurezza che un trattamento sia realmente efficace. Per raggiungere questo obiettivo, per essere sicuri che una cura funzioni e lo faccia meglio di un’altra, è indispensabile che i pazienti, che lo desiderano e sono stati accuratamente informati sulla sperimentazione che viene loro proposta, partecipino agli studi proposti dai medici. Cosa ottengono in cambio? «Ricevono farmaci che sono innovativi, che non sono in commercio ...

Leggi tutto

Mutazioni dei geni BRCA, l’Inps riconosce l’invalidità alle donne che rischiano di ammalarsi di tumore

 Anche alle donne portatrici delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, che sceglieranno la chirurgia preventiva da sane, senza quindi aver sviluppato un tumore, sarà riconosciuta una corretta percentuale d’invalidità. È questo il principale risultato di un’azione congiunta che ha unito allo stesso tavolo l’INPS, l’associazione aBRCAdaBRA, nata per rappresentare i bisogni delle persone portatrici della mutazione BRCA, e la FAVO, la Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia. Un lavoro congiunto per riconoscere una tutela sia 

Leggi tutto

La raucedine non se ne va? Potrebbe essere un tumore della laringe

    Una voce che è diventata rauca da diverse settimane e non passa nonostante le cure, associata a difficoltà di respiro sotto sforzo, a problemi nella deglutizione e dolore irradiato alle d’orecchie. Questa combinazione di sintomi, singolarmente considerati poco allarmanti e molto comuni specie in inverno, deve invece insospettire se prolungata nel tempo: potrebbe infatti essere spia di un tumore della laringe, secondo 

Leggi tutto

Tachicardia, un segnale d’allarme in chi è stato curato per un tumore

 Le persone che hanno avuto episodi di tachicardia nei primi 12 mesi dalla diagnosi di cancro hanno tassi di mortalità più elevata per i dieci anni successivi. È quanto è merso da uno studio presentato durante la conferenza dell’American College of Cardiology, tenutasi a Washington recentemente, che ha ...

Leggi tutto

Tumore al seno, quello che le donne non dicono, ma il rimedio c’è

 I danni della terapia ormonale sull’osso In Italia sono circa 250mila le donne che ogni anno iniziano una terapia ormonale con inibitore dell’aromatasi per un tumore mammario e sono soggette dunque a un’alterazione della mineralizzazione ossea. «E il numero tenderà a aumentare se si pensa che la terapia adiuvante attualmente dura 5 anni, ma 

Leggi tutto

Tumori, chi sceglie terapie alternative ha più probabilità di morire

 Sono per lo più giovani, con un’ottima istruzione, una buona salute e un bel conto in banca. Chi rifiuta le terapie standard per affidarsi ad alternative non approvate ufficialmente (di solito spacciate per efficaci e meno tossiche) rischia però davvero tanto. Un ampio studio americano ha fatto i conti su malati con un tumore non metastatico: dopo 5 anni dalla diagnosi era vivo il 78,3% di chi si è affidato alla medicina tradizionale e soltanto il 54,7% di chi ha scelto cure non riconosciute dalla scienza. ...

Leggi tutto

Cancro al seno. Chi guarisce a rischio di ansia e depressione

 Le donne che sopravvivono a un cancro al seno hanno maggiori probailità, rispetto alle donne che non hanno avuto questa patologia, di provare ansia, depressione, disturbi del sonno e altri problemi di natura psichica. Il team guidato da Helena Carreira, della London School of Hygiene & Tropical Medicine nel Regno Unito, ha ...

Leggi tutto

Caccialanza: “Supporto nutrizionale parenterale precoce per 7 giorni efficace in pazienti oncologici malnutriti”. Lo studio italiano

  Apportare un supporto nutrizionale parenterale in pazienti oncologici, ospedalizzati con carenze nutrizionali per un periodo di 7 giorni, equivalente ad una degenza media, può permette di colmare gap proteico-calorici e migliorare quindi i parametri nutrizionali. A rivelarlo è uno studio bicentrico condotto ...

Leggi tutto

Omeopatia: un effetto placebo (di lusso) che può funzionare in alcuni contesti

Un lavoro appena pubblicato su Health and Social Care in the community fornisce una chiave interpretativa alternativa agli effetti dell’omeopatia inquadrandoli come effetto placebo. Accettando questa rivisitazione si riuscirebbe secondo gli autori a conciliare le due posizioni antitetiche dei sostenitori dell’omeopatia e della medicina tradizionale. L’omeopatia avrebbe dunque un suo perché in alcune condizioni (es. dolore, nausea) nelle quali l&...

Leggi tutto

Cancro al seno e terapia ormonale, allarme oncologi: «Una donna su sei non la segue come indicato»

 Si espongono al rischio di una ricaduta, di sviluppare più velocemente metastasi, di morire per tumore perché non seguono in modo corretto la terapia ormonale che viene prescritta ogni anno a milioni di donne nel mondo alle quali viene diagnosticato un cancro al seno. Secondo una ricerca presentata nei giorni scorsi a Monaco di Baviera, durante il congresso annuale della Società Europea di Oncologia Medica (Esmo), addirittura una paziente su sei in cura con tamoxifene per un carcinoma mammario ...

Leggi tutto

Corretti percorsi di nutrizione clinica migliorano esiti della chemioterapia

 Corretti percorsi di nutrizione clinica che prevedano anche la nutrizione parenterale possono portare a migliori outcomes nei pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia. Di questo si è parlato durante un simposio organizzato dalla European Oncology Nursing Society (EONS) a margine del Congresso della Società europea di oncologia medica (ESMO) che si è svolto a Monaco. Il simposio ha visto riunite ...

Leggi tutto

Un malato di cancro su due usa «rimedi naturali», inconsapevole dei rischi che corre

 Più o meno la metà dei malati di tumore fa uso di medicine complementari, anche mentre si sottopone ai trattamenti ufficiali quali chemio e radioterapia, completamente ignara dei rischi che corre. L’obiettivo a cui puntano i pazienti è quello di sentirsi meglio, contrastare gli effetti collaterali di medicinali anticancro e radiazioni, rinforzare corpo e mente, magari depurare l’organismo dagli effetti tossici. L’elenco dei rimedi «naturali» ai quali ricorrono i pazienti è molto lungo, va dai più disparati tipi di erbe alla meditazione, dai ...

Leggi tutto

Metodi di cottura anticancro e cancerogeni: come preparare e conservare al meglio il cibo

 Dalle grigliate ai surgelati, passando per frittura e forno a microonde: come organizzare cucina e dispensa nell’ottica della tutela della nostra salute? Tra «falsi miti» duri a morire e buone regole sempre valide, ecco cosa c’è di scientificamente certo. Lo abbiamo chiesto a Elena Dogliotti, biologa nutrizionista e supervisore scientifico per la 

Leggi tutto

Tumori. La dieta mediterranea riduce la mortalità del 10%. Al via la campagna Aiom

 La dieta mediterranea è considerata la più salutare e seguirla tutti i giorni riduce del 10% la mortalità da cancro. Le cattive abitudini alimentari sono però sempre più diffuse nel nostro Paese. Il 42% degli italiani è in eccesso di peso, più del 10% addirittura obeso. Problemi di malnutrizione e conseguente perdita di peso interessano tuttavia ben sette pazienti su dieci con tumore del pancreas. Da qui l’esigenza di promuovere una dieta adeguata e anche gustosa per questa particolare categoria di malati. A pensarci è ...

Leggi tutto

La dieta mima-digiuno serve a combattere il tumore?

 Stando alle statistiche

Leggi tutto

“Nutrizione clinica e trattamento oncologico devono viaggiare in parallelo”

 La malnutrizione nel paziente oncologico è una condizione che si manifesta molto spesso, fin dall’esordio di malattia. Tale stato genera non solo un peggioramento della qualità di vita, ma anche un aumento delle morbilità e della mortalità, rappresentando un fattore prognostico sfavorevole e causa di morte indipendente imputabile a squilibri metabolico-nutrizionali. Per questo motivo è di fondamentale importanza che la presa in carico del paziente oncologico sia portata avanti non solo dall’oncologo ma anche dal nutrizionista.

Leggi tutto

In vacanza se si ha un tumore? Si può fare

 Regola numero uno: parlatene con l’oncologo Tumore e vacanza non sono due estremi inconciliabili. Troppo spesso pazienti e familiari, provati fisicamente e psicologicamente dalla malattia e dalle fatiche quotidiane, si rassegnano ingiustamente al “vorrei, ma non posso”. «Certo, per poter pensare di partire, sono necessarie due premesse fondamentali – spiega Francesco Cognetti, presidente della “Fondazione Insieme Contro il Cancro” -: il malato deve essere ...

Leggi tutto

Il ruolo dei nutraceutici nell'approccio all'emicrania

 Piero Barbanti è direttore dell’Unità per la Cura e la Ricerca su Cefalee e Dolore, Dipartimento Scienze Neurologiche Motorie e Sensoriali, IRCCS San Raffaele di Roma.  

Leggi tutto

Ecco le piante che aiutano a prevenire (o curare) i tumori

 Le erbe «amiche» dei pazienti oncologici esistono e possono servire per risolvere o alleviare alcuni sintomi, come la stanchezza o la depressione, oppure la disappetenza e tanti altri disturbi, quando per esempio i farmaci non siano sufficienti, o quando i farmaci prescritti non siano tollerati. In molti casi utilizziamo le erbe anche a scopo preventivo, per esempio nel caso di alto rischio dovuto a familiarità, oppure all’esposizione a tossici ambientali oppure ancora a stili di vita non adeguati. Di seguito alcuni ...

Leggi tutto

Bottiglie lasciate al sole e plastica riscaldata provocano il cancro?

  Su WhatsApp circola con insistenza questo messaggio: «Il veleno che esce dalla plastica riscaldata &...

Leggi tutto

Tumore, dopo le terapie aumenta rischio cardiovascolare: come ridurlo

 Ci si concentra a sconfiggere il nemico numero uno, e non ci si accorge di andare incontro a un pericolo a volte perfino più grande. Succede a tanti malati di tumore: le terapie impiegate per debellare il cancro possono avere effetti collaterali cardiaci anche gravi, se non si tiene sotto controllo il cuore durante e dopo il trattamento. Un dato di fatto sempre più evidente, discusso durante il congresso internazionale “Pathophysiology and Management of Cardivascular Complications in Oncology” ...

Leggi tutto

Integratori. La presa di posizione dell’Aiipa: “Possono essere utili ma non sostituire una dieta sana”

 Una corretta definizione scientifica degli integratori e dl loro uso a complemento della dieta. Con questo obiettivo Integratori Italia, l’Associazione Italiana Industrie Produttori Alimentari (Aiipa), che fa capo a Confindustria, risponde alla review del St. Michael’s Hospital e dell’università di Toronto, pubblicata dal Journal of the American College of Cardiology

Leggi tutto

Fake news e salute in internet. Un decalogo per navigare in sicurezza arriva in tutti i reparti oncologici

A partire da questa settimana, in tutti i reparti oncologici italiani sarà esposto il decalogo (sotto forma di Poster) realizzato da Unamsi (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione) in collaborazione con Cipomo (Collegio Italiano Primari Oncologi Medici Ospedalieri) denominato “Salute in Internet: 10 regole per navigare in sicurezza”.   Il decalogo, rivolto a tutti gli ...

Leggi tutto

Tumori, più di 4 pazienti su 10 non parlano dei loro disturbi coi dottori

Nel nostro Paese vivono più di tre milioni e trecentomila persone dopo aver ricevuto una diagnosi di tumore, una percentuale in costante aumento (il 24% in più rispetto al 2010). Spesso, però, convivono con disturbi psicologici, come ansia, nervosismo o difficoltà ad addormentarsi, oppure fisici, come dolori, problemi sessuali, gonfiore addominale, dissenteria, con conseguenze sulla qualità di vita e nelle relazioni sociali. Il 43 per cento dei pazienti colpiti da cancro non riferisce al medico ...

Leggi tutto